Buon Ferragosto!

martedì 6 novembre 2012

DE MAGISTRIS SVELA LA SUA PROPOSTA DI ALTERNATIVA


Intervista a Luigi De Magistris di Angela Mauro
"Io penso che ci debba essere il primato della politica e che bisogna affidare alla magistratura la patologia, il caso che sfugge, la mela marcia. La politica deve avere gli strumenti per non far arrivare in Parlamento le persone che non siano integre in quanto a questione morale. Ma il tema non si esaurisce con la legge approvata o con i decreti delegati che sta per fare il governo. Da un lato, anch'io penso che si debba intervenire anche prima della condanna di primo grado per alcuni reati gravi contro la pubblica amministrazione, la corruzione, i reati di mafia. Ma, io che ho subìto la violenza della carta da bollo, mi chiedo se ci possiamo accontentare di dire che avremo una classe politica pulita sulla base del casellario giudiziale. Non penso che sia così perché succede che magari i più grandi criminali ce l'hanno pulito, mentre i ladri di polli ce l'hanno sporco. Faccio un esempio, con nome e cognome: Gaetano Di Vaio, l'ho conosciuto quando ero magistrato, è un pregiudicato che ha incontrato la droga, è andato in carcere e oggi è un affermato regista napoletano. Io lui in lista lo vedrei meglio di tanti altri. Dobbiamo capirci: vogliamo precludere la strada della passione politica a chi ha avuto condanne per le mobilitazioni in Val di Susa o con i No dal Molin solo perché ha sbagliato? Naturalmente, se è stato condannato, deve riconoscere l'errore, penserei ad una interdizione temporanea ma sul resto starei attento. Non affidiamo alla magistratura la selezione della classe dirigente del nostro paese...".
Luigi De Magistris ha dismesso i panni del pm da tempo. Nei pensieri e nelle azioni. Sindaco di Napoli da due anni scarsi, punta ad un orizzonte più vasto. Politico. E in questa intervista all'Huffington Post, assegna un nome al cartello di forze che immaginerebbe unite alle prossime elezioni o almeno collegate da una convergenza sui programmi. "Partigiani", gli piacerebbe che si chiamassero così i cosiddetti 'non allineati'. "Per liberare il paese dalle cricche". Segni particolari: fede anti-montiana e capacità di andare oltre i recinti dati, che siano quelli dell'Idv o quelli del Movimento 5 Stelle.
Ma oggi ci sono le condizioni per un'aggregazione che vada dalla lista arancione ai grillini a quel che rimane dell'Idv, più pezzi di sinistra?
"C'è un ragionamento, non ci sono le condizioni per fare da subito un'alleanza tra i non allineati, gli arancioni, Grillo, sindaci, e poi verdi, sinistra... Però può partire una proposta forte che si può racchiudere anche in una lista: donne e uomini con la capacità di governare e di cambiare con un programma politico forte e radicale".
GUARDA IL VIDEO-APPELLO DI DE MAGISTRIS IN FONDO ALL'INTERVISTA
E' un appello? Perché non sembrerebbe che i suoi rapporti con Grillo siano dei migliori oggi...
"Tra me e Grillo c'è un momento di grande tensione dovuto a frasi pronunciate...."
Quali?
"Non voglio rivangare il passato. Però se andiamo a guardare i contenuti, possiamo immaginare punti di convergenza futura in Parlamento. Ma non solo con Grillo: anche con la parte migliore dell'Idv, con Orlando... Punti di contatto sono le politiche anti-montiane e quelle possono unire da adesso sulla base di contenuti, di un progetto. E' una aggregazione che, se parte bene, è maggioranza, con qualsiasi legge elettorale, salvo che se ne fanno una che fa vincere solo l'alleanza Pd-Pdl-Udc. Cioè il Monti bis: più di uno sta lavorando perché ci sia il Monti bis, non necessariamente guidato da Monti ma comunque per fermare i non allineati. Che possiamo chiamare 'partigiani' per liberare il paese dalle cricche".
Ma quest'aggregazione sembra solo un potenziale, per ora...
"Io posso dire che quando sono stato eletto sindaco a Napoli ho visto l'indignazione diventare energia positiva. Se il voto si fosse determinato solo dentro il recinto dei partiti, io non avrei superato il 5 per cento. Oggi c'è esigenza di liberare energia fuori dai partiti. E questa non è antipolitica, c'è anche una parte di protesta fine a se stessa, certo, ma c'è anche chi vuole costruire. Ed è su questo che il Movimento 5 Stelle è carente, sul lato dell'identità..."
In che senso?
"Oggi c'è sì bisogno di scassare e di rottura ma c'è anche bisogno di ricostruzione e questa parto io non la trovo nel programma del M5S. Dire, come ha fatto Grillo, che la mafia non esiste in Sicilia ma altrove, è superficiale e pericoloso. E poi a Grillo dico che non puoi costruire se esisti solo tu...".
Scendi dal piedistallo della purezza.
"Oggi c'è bisogno anche di affetto, degli abbracci per costruire...".
Ciò nonostante il M5S resta un interlocutore. I 'partigiani' che lei chiama, si ritroverebbero sotto il simbolo viola con la parola 'Basta!'? Mi riferisco al nuovo simbolo denunciato dal 'dissidente' dell'Idv Massimo Donadi e smentito da Di Pietro... Esiste?
"Non so di questo simbolo, ho appreso dalla stampa...".
Ma è una buona idea?
"Dico che anche Antonio (Di Pietro, ndr.) ha contribuito ad alimentare la storia che l'Idv è finita. Io penso che oggi sia difficile per lui ricomporre con Donadi, per la violenza verbale e contenutistica che si è determinata. Ma non serve nemmeno dire alla Breznev che tutto è a posto mentre l'Urss sta crollando... Di Pietro dovrebbe cogliere un momento di crisi come un'opportunità. Siccome non è finito, dovrebbe rendersi conto che chi sta al vertice dei partiti è come un tappo a quell'esigenza di liberazione di cui parlavo prima. Bisogna mettere a disposizione il partito per un qualcosa di più grande che è cresciuto e continua a crescere, bisogna creare una fase costituente per un nuovo soggetto".
Non basta che Di Pietro abbia acconsentito a togliere il suo nome dal simbolo, no?
"Non è sufficiente, poteva andare bene due anni fa, quando io e Sonia Alfano ponemmo la questione morale. Oggi no. Anche Di Pietro è un tappo e questo è un suggerimento. Non risolvi il problema se Donadi se ne va dal partito: lui è una persona per bene e io non avrei imbarazzo a stare affianco a lui, piuttosto che con altri tipo De Gregorio".
Diciamola bene: Di Pietro non dovrebbe ricandidarsi, fare un passo indietro, insomma.
"Di Pietro non avrei problemi a vederlo in Parlamento o come ministro, ma deve interpretare il bisogno di riorganizzazione: dire 'tutto a posto' è un errore politico. Il suo quindi non sarebbe un passo indietro, ma laterale, per fare spazio a un bisogno che c'è e andare avanti. Bisogna però vedere se lui lo vuole fare.
Nel suo orizzonte, magari non c'è Di Pietro ma c'è Ingroia, suo grande amico, che l'ha difesa pubblicamente in tutti i momenti difficili, anche al Csm. Giusto?
"In Guatemala lo vedo bene, gli farà bene, ha avuto momenti difficili. Detto questo, è una grandissima risorsa per il paese, le istituzioni, il bene comune. Ma come lui io vedrei bene anche un operaio di Pomigliano tipo Antonio Di Luca, per dire. È il momento che servono persone per liberare il paese".
Tempi?
"Entro Natale dobbiamo chiudere il cerchio. Non un giorno oltre, anche perché ci sono le elezioni nel Lazio, in Lombardia...".
Veramente ci sono anche le primarie del centrosinistra...
"Non mi appassionano. Sono curioso di sapere chi vince anche perché può essere un interlocutore fondamentale ma non è quello il luogo per noi. Le primarie sanno di stantìo, lotta muscolare...".
Lei, Grillo, Di Pietro, Ingroia: è già partita la contesa per la leadership dei 'partigiani'?
"Ma io non mi candido. Ad ogni modo, se lavoriamo bene, si possono vincere le elezioni. Naturalmente siamo aperti anche a chi non si riconosce nel centrodestra. Quando ti candidi come lista civica, è sbagliato collocarsi in un recinto stretto, bisogna parlare anche a chi è lontano...".
Sta dicendo che ha in mente dei nomi, delle aree moderate o di destra con cui dialogare?
"Niente nomi di palazzo, penso al bisogno che c'è nei territori...".

Nessun commento:

Posta un commento